LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le Cariatidi, impariamo dai russi. La sala va riportata all'antico splendore dei tempi di Radetzky, com'è accaduto ai palazzi degli Zar
Jacopo Gardella
La Repubblica - Cronaca Milano




Lasciarla così com'è, semi-distrutta e mutilata; oppure restaurarla e riportarla ai fasti di un tempo? La Sala delle Cariatidi, rimasta per sessant'anni negletta e in rovina, nello stato in cui l'avevano ridotta i bombardamenti bellici, oggi finalmente intravede la sua futura rinascita ed il ritorno all'antico splendore neoclassico. Ma non tutti sono d'accordo. C'è chi vorrebbe lasciarla com'è, a testimoniare la dissennata tragedia della guerra; così come nella stazione ferroviaria di Bologna si è voluto lasciare uno squarcio nel muro, a testimoniare la criminale follia dei terroristi. Altri vorrebbero proibire ogni restauro, in nome del fascino emanato dalle rovine; così come alla fine del secolo XVIII ci si commuoveva di fronte a ruderi e frammenti architettonici, in nome del nascente sentimento romantico, che non nella gloria mondana ma nelle lacerazioni dell'animo e nella consapevolezza della caducità umana riconosceva i profondi valori dello spirito. E infine ci sono coloro che ne difendono l'attuale stato fatiscente, traviati da principi estetici aberranti, per i quali l'architettura non deve mirare ad un programma di costruzione, ma deve tendere ad un obiettivo di decostruzione.
Il restauro integrale della sala ed il suo parziale rifacimento sono una sana decisione che pone fine ai cerebrali sofismi di quanti non vorrebbero mai né rinnovarla né risanarla. Anche se ad opera ultimata la sala ci sembrerà troppo nuova, troppo lustra, troppo fresca di ori e di vernici, troppo brillante di marmi e di stucchi, essa tuttavia saprà evocare l'epoca in cui è stata costruita, ed il mondo che l'ha voluta, l'ha ammirata e l'ha frequentata. Il medesimo intenso sentimento si avverte visitando i palazzi degli Zar. Restaurati di recente da solerti artigiani russi, spesso - è vero - con troppo zelo e con mano pesante, essi sono capaci tuttavia di resuscitare i personaggi che li hanno abitati, di rievocare gli eroi che vi hanno vissuto, di immergerci in atmosfere che le passate letture ci fanno sentire vicine e familiari. È noto che quei palazzi ed i loro fastosi interni sono stati in gran parte rifatti; e perciò oggi si ripresentano poco autentici e quasi falsi; è tuttavia autentica e non falsa la natura che li ospita, il panorama che li circonda; l'aria che li avvolge.
La Sala delle Cariatidi, ricostruita, rinnovata, resuscitata, ci darà l'illusione di essere ospiti alla corte del viceré Beauharnais o di conversare con gli ufficiali del maresciallo Radetzky; la nostra sarà una emozione non tanto architettonica e figurativa, quanto letteraria e narrativa; giacché non ammireremo soltanto la bellezza della sala, ma rivivremo anche un periodo di storia, e ci sentiremo immersi in uno squarcio di passato. Abbandonata nello stato attuale di rudere, la Sala non è altro che il documento di un avvenimento circoscritto, l'attestato di un episodio contingente: le bombe cadute su Milano. Riportata allo splendore originario, diventerà testimonianza di un periodo denso di avvenimenti, di un mondo fremente e appassionato, di un'epoca cruciale e rivoluzionaria. Lasciati alle spalle i fatti della cronaca, la Sala ci introdurrà negli scenari della storia.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news