LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cariatidi, un restauro atteso da 60 anni.
Il Giorno - cronaca Milano

La sala di Palazzo Reale danneggiata dai bombardamenti del '43: istituzioni unite per dare il via ai lavori

MILANO — È come rimettere in sesto una persona da capo a piedi, trascurandone il cuore. Così per la Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, che in un complesso in via di completa rinascita, continua a mostrare le terribili ferite dei bombardamento del 1943. L'incongruenza si è fatta ormai così evidente, che nella stessa Sala si è ieri riunita in un convegno una sorta di grande assise. Riportare la Sala il più possibile vicino all'immagine originaria (salvo le perdite insostituibili, come i dipinti di Hayez e Appiani) o lasciarla com'è da 60 anni, nella perenne esibizione del danno della guerra?
Il convegno è stato preceduto l'altro ieri da una visita sul campo del sindaco Gabriele Albertini e del ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani. E già in quella occasione era presente tutto uno stato maggiore della conservazione e del restauro, compresa una figura di riferimento come il direttore dell’Istituto centrale per il restauro, Caterina Bon Valsassina.
Punto di partenza non secondario, secondo il direttore centrale della Cultura del Comune, Alessandra Mottola Molfino, è il fatto di essere «tutti concordi nel risarcimento degli sfregi brutali». Sfregi, ha spiegato il direttore dei lavori, Gisella Capponi, che sono anche il frutto d'una lunga incuria, di un «uso sfrenato di questa sala» che oggi chiede un «atto di pietà». Soltanto dal 2000, ha aggiunto Mottola Molfmo, si è almeno provveduto a una pulitura. Incredibile, osservava il direttore regionale per i Beni culturali della Lombardia, Carla Di Francesco, è accingersi a un intervento a 60 anni dall'evento distruttivo: «Una cosa che nessuno ha mai visto: in genere, si procede ai lavori entro una generazione. Non vogliamo il bel disegno, ma un restauro fatto con la nostra sensibilità e la nostra cultura». Il convegno, a cui hanno partecipato tra gli altri Alberto Artioli e Sandro Schiffini, Roberto Cecchi, Giorgio Bonsanti, Arnaldo Pomodoro, ha rivelato pieno accordo sull'esigenza di un prudente intervento con le metodologie del cantiere di studio.
«Un rifacimento non si farà mai», sottolineava Gisella Capponi a conclusione dei lavori. Ma c'è chi sembra pensarla diversamente, come la sezione milanese di Italia Nostra, per il cui presidente Alberto Ferruzzi «al di là della memoria della distruzione, che dev'essere ben rappresentata attraverso immagini e documenti, l'intervento deve essere - per tutte le parti note e riproducibili -ricondotto filologicamente all'originario splendore. E il suo valore pubblico, che ha sempre caratterizzato il suo uso, comporta anche di coinvolgere i cittadini milanesi». Anch'essi, insomma, oltre agli architetti, hanno il diritto di dire la propria.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news