LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dai musei alle piazze. I “gioielli” sorvegliati
Sole 24 ore Edilizia e Territorio

Videosorvegliare musei ed edifici storici, ma anche piazze, chiese, alberghi, negozi e strade cittadine. È questo uno dei «plus» offerti dal wi-fi, già ampiamente sperimentato e adottato da tutta una serie di amministrazioni locali, in accordo con i Beni culturali, dal Nord al Sud dell'Italia così come da Fondazioni private a cui fanno capo sedi e strutture storiche.
Fra i «gioielli» nazionali già videosorvegliati dal wi-fi ci sono il castello di Racconigi (a una trentina di km da Torino), il teatro antico di Taormina e persino la Sacra Sindone e l'Etna. «Abbiamo realizzato una rete wi-fi e posizionato una serie di videocamere per consentire il controllo a distanza del vulcano in qualsiasi momento da parte della Protezione civile», spiega Lino Chiechio general manager di Videobank, wisp siciliano che ha installato ben 400 hot-spot nell'area intorno al vulcano. E sono numerosi i Comuni, sempre in Sicilia, che stanno valutando T adozione del wi-fi per videosorvegliare monumenti e chiese. «A Ragusa sono già sotto controllo alcuni monumenti facenti capo all’Unesco e in linea generale sta crescendo molto l’attenzione nei confronti della videosorvegliaiiza via wi-fi in particolare per rafforzare la strumentazione a tutela di siti archeologici ma
anche per edifici e strutture che non hanno valore storico ma necessitano di controlli in nome della sicurezza delle persone e delle merci», puntualizza Chiechio.
Comune e Polizia municipale di Capri tengono già sotto controllo la storica Piazzetta attraverso il sistema wi-fi firmato da NoCable, wisp partenopeo fra i grandi protagonisti della partita wi-fi nazionale «Abbiamo installato gli hotspot in modo tale da offrire la copertura del segnale a tutti i locali che si affacciano sulla Piazzetta - spiega l'amministratore delegato Marco Caldarazzo - ma soprattutto per offrire anche un servizio di videosorveglianza attivo 24 ore su 24 grazie alle videocamere wireless puntate sulla piazza. Le videocamere sono gestire attraverso un server del Comune collegato con la Polizia municipale che quindi può video-controllare a distanza la piazza». Un progetto che a quanto pare è piaciuto al Ministero dei Beni culturali al punto tale da valutare la possibilità di replicarlo in altri siti storici nazionali, in primis per gli scavi di Pompei ed Ercolano e per l'isola di Ischia, tanto per restare in zona. Sempre NoCable ha messo sotto videosorveglianza il Castello di Racconigi e Palazzo Reale di Torino dove sono operativi alcuni uffici comunali, ma anche altre residenze e proprietà della Sovrintendenza. Il Comune di San Benedetto Belbo, Comunità Montana dell'Alta Langa, da il benvenuto in Paese con una targa che recita così: «Benvenuti a San Benedetto Belbo, il primo paese in Italia con impianto wi-fi satellitare dotato di Internet a larga banda e telecamere per la videosorveglianza». Oltre a garantire l'accesso a Internet la rete integra un sistema di videosorveglianza territoriale completamente automatizzato.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news