LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Intesa Lunardi-Urbani sulla valutazione d'impatto archeologico. Sarà introdotta per le grandi opere
Giorgio Santilli
Il Sole 24 ore




I ministri delle Infrastrutture, Pietro Lunardi, e dei Beni culturali, Giuliano Urbani, hanno sottoscritto un accordo per introdurre una nuova «valutazione di impatto archeologico» nell'iter di approvazione dei progetti delle grandi opere. È stata costituita una commissione tecnica per mettere a punto una normativa che prevederà una relazione archeologica e un parere preventivo delle Sovrintendenze. «Partiremo con la nuova normativa entro la fine dell'anno», ha detto Lunardi, mentre Urbani ha sottolineato come «in questo modo si potrà garantire una maggiore tutela preventiva ma anche accelerare l'iter delle opere infrastrutturali, una volta che il parere è stato espresso».
La conferenza stampa tenuta dai due ministri per illustrare i nuovi progetti culturali della società Arcus finanziati con il 3% degli stanziamenti infrastrutturali (e della legge obiettivo in particolare) è stata l'occasione per sancire la pace fra i Beni culturali e le opere pubbliche. «È cambiato l'atteggiamento delle Sovrintendenze — ha detto Lunardi — rispetto ai tempi in cui c'era sempre e comunque un'opposizione pregiudiziale. E questo anche grazie a quest'opera preventiva di sensibilizzazione svolta da me e da Urbani con questo progetto». I sovrintendenti non sono più, insomma, i "signor no", i nemici numero uno delle infrastrutturali in Italia. «Questo lavoro che facciamo con Arcus e la devoluzione di questi fondi aiuta molto», ha aggiunto Lunardi.
La nuova tranche di finanziamenti 2004 proposti da Urbani e Lunardi ad Arcus (il Cda della società li distribuirà oggi) prevede 15 progetti per un totale di 7 milioni: tra gli altri, 800mila euro vanno alla villa Gregoriana di Tivoli (per cui è i corso un progetto di recupero del Fai), 800mila al museo archeologico nazionale di Altino (Venezia), 500mila alla comunità di San Patrignano per il progetto Spazio Sanpa che prevede la realizzazione di una struttura polifunzionale con agorà, palasport, teatro, cinema e palazzo convegni-concerti. Ancora: 500mila euro al Museo virtuale di Roma (Università La Sapienza), 700mila euro per la tourné negli Usa dello spettacolo «Arlecchino servitore di due padroni» del Piccolo di Milano, 550mila a un ciclo di rappresentazioni itineranti su progetto Eti, 250mila a un teatro all'aperto alla Casina delle Rose di Roma, divenuta di recente Casa del Cinema. Urbani ha ricordato che il Parlamento sta varando l'estensione dei fondi Arcus dal 3 al 5% della legge obiettivo. La norma è contenuta all'articolo 3 del decreto legge 7, approvato dal Senato e ora all'esame della Camera. Il problema è semmai che al momento la legge obiettivo non ha fondi per il 2005.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news