LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VERSAILLES - Tornano alla Reggia i capolavori dellAntico
CESARE DE SETA
DOMENICA, 03 FEBBRAIO 2013 LA REPUBBLICA - R2 CULT-Cultura

Il cardinale Jean Du Bellay, rinomato mecenate e collezionista, nel 1534 venne a Roma per tre mesi, e ci torn lanno successivo restandoci per otto mesi (da agosto al marzo 1536), suo segretario fu Franois Rabelais, la cui passione archeologica e umanistica ben testimoniata dal Gargantua, pubblicato nel 1534; Du Bellay, negli stessi anni, protesse Philibert De lOrme, architetto mediatore della tradizione medievale con la nuova koin della rina-
scenza italiana. Questo per dire quale passione per lAntico nutr la cultura francese gi nel secolo XVI. Nel 1556 giungeva a Parigi
Diana cacciatrice, un capolavoro assoluto della statuaria antica, raro dono di papa Paolo IV al re Enrico II. Irresistibile fu lascesa dellAntico in terra di Francia nel Grande Secolo e nel nome del Re Sole.
Il luogo privilegiato di questo culto fu la Reggia di Versailles, che Luigi XIV, partendo da un padiglione di caccia caro a suo padre, nel corso di ventanni trasform in una delle pi fastose residenze dEuropa, grazie al talento di architetti e giardinieri come Le Ntre e Le Vaux.

Nel 1682 il re trasfer la corte e il governo in una fabbrica radicalmente rinnovata, con un decor di ineguagliato splendore e ricco di opere darte. Tra le superbe collezioni di statuaria antica quelle dei potentissimi cardinali Mazzarino e Richelieu. Cos Versailles e i suoi giardini, disseminati di statue, divennero la sede della grandeur di un sovrano che volle fare del suo regno una seconda Roma: per realizzare questo sogno, disegno di potenza e di bellezza, acquis opere antiche che testimoniano la grandezza dei romani e commission opere moderne che a quel modello ideale si rifanno. Il re non bad a spese, ingaggiando una sfida con le maggiori monarchie dEuropa - dallInghilterra di Giacomo I alla Spagna di Filippo IV - comprando sulla piazza di Roma opere memorabili: distribuite nel tempo tra il Louvre, Fontainebleu, Marly e altre residenze, ora sono tornate a Versailles. Oltre 200 pezzi tra sculture, dipinti, arazzi, bronzi, disegni e incisioni che Pier Luigi Pizzi ha sistemato nella reggia con una seducente
mise en scne, che d titolo alla mostra Versailles et lAntique
(fino al 17 marzo) a cura di Alexandre Maral, Nicolas Milanovic, Genevive Bresc, Jean-Luc Martines, catalogo ArtLys. Versailles ci ripaga cos delle sconce monografiche di Jeff Koons e Damien Hirst.
Giunsero in Francia sculture antiche celeberrime come il
Cincinnato, acquisita dopo lunga trattativa col principe Savelli, e Germanico. Grande fu il disappunto di quanti a Roma, e tra questi il Cavalier Bernini, non condivisero la politica rapace del re di Francia. Ogni pezzo ha una sua storia, ma per la prima volta dalla fine del Settecento possiamo vederle raccolte nella
Galerie basse della residenza, con la monumentale Iside
in marmo nero, e distribuite nelle diverse sezioni in cui articolata la mostra su due piani e in dieci sale. Tale la messe delle opere offerte che il visitatore colto da un senso di vero e proprio stordimento, sia per la rilevanza degli oggetti che per la sontuosa scenografia in cui sono distribuite.
Le intenzioni di Luigi XIV sono fin troppo chiare nel celebrare la monarchia trionfante e nellesibire i simboli che sono nella reggia e nei giardini. Divenuta Versailles la residenza del re Sole naturale che fu Apollo la divinit di questo nuovo Olimpo gallico e con lui Diana, le cui statue erano distribuite in un giardino volto a catturare linfinito e in vasche dacqua ampie come laghi. Nella
Salle de Costantine figura il gruppo marmoreo di
Latona e i suoi figli (1688) dei fratelli Marsy e, nella
Galerie de Glaces, si vede la Venere di Arlessuperbo
originale, rinvenuto nel 1651 nellantica citt romana. Pizzi ricolloca le statue su alti basamenti, proprio come aveva voluto Andr Le Ntre.
La mostra dispone in sequenza la storia stessa della monarchia di Francia dal Medioevo alla guerra di Crimea, ma gli intrecci tra il passato e la pi recente storia sono sorprendenti, perch i fili legano le diverse vicende e i molti protagonisti desse. Nella sala della Crimea ritroviamo Diana cacciatrice, ma questa volta nelle vesti - completamente nuove della marchesa di Pompadour, dove questa deliziosa fanciulla dipinta da Jean-Marc Nattier con la faretra e larco in mano. Il che sta a significare che il gusto per lAntico si trasforma nel tempo, ma non scompare. Eroi e eroine, imperatori, uomini illustri, monumenti e citt, eventi celebri ricorrono in dipinti e in cicli darazzi di Gobelins: accanto alla storia antica vengono celebrate le arti che ebbero per sede il monte Parnaso, con al centro Apollo e le Muse, in un grande arazzo su disegno di Mignard. Altri arazzi hanno per le tema le Quattro stagioni.
Al piano superiore trionfa la pittura classicista francese con opere di Le Brun, La Fosse, Blanchard, Cypel circondati da oggetti domestici, vasi, candelabri e mobilia che sono costruiti mo degli antichi e, in taluni casi, erano stati commissionati dallo stesso primo ministro Colbert a cui si deve la fondazione dellAccademia di Francia a Roma, divenuta il luogo deputato del culto dellAntico. Con la morte del Re Sole nel 1715, suo figlio privilegi il gusto
rocaille, ma la scoperta di Ercolano e di Pompei, al tempo del nipote Luigi XVI, fu una scintilla che divamp per lEuropa e Versailles fu parte essenziale di questo incendio.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news