LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Trulli, castelli parchi e coste: 154 beni sottoposti a vincoli precisi con il nuovo piano paesaggistico
ANTONIO DI GIACOMO
MERCOLEDÌ, 30 GENNAIO 2013 LA REPUBBLICA - Bari




Barbanente: “È una rivoluzione”


Tra storia e natura, mappa dei tesori da salvare

Stop allo scempio dal mare alle città




NIENTE più improvvisazioni. Arrivano regole certe con il Piano paesaggistico territoriale della Puglia che, in via di adozione, rivoluzionerà la tutela dei 154 beni culturali e ambientali sottoposti a vincoli ministeriali nella regione. Accadrà grazie alle prescrizioni d’uso racchiuse nel Piano che stabiliranno gli stessi criteri ordinatori entro i quali anche le Soprintendenze potranno operare. Ad annunciarlo è l’urbanista Angela Barbanente, assessore regionale alla Qualità del territorio.

Mai più cemento selvaggio sul territorio. A gettare il salvagente alle lame e dune, foreste e insediamenti rurali - solo per citare alcune delle categorie dei 154 beni sottoposti a vincolo paesaggistico in Puglia - provvederà il Piano paesaggistico regionale, ora in via di adozione. A dettare regole certe saranno le prescrizioni d’uso e la perimetrazione certa dei beni sottoposti a vincolo. «Bisogna immaginare che, originariamente, i vincoli erano stati posti senza delimitazioni chiare, addirittura attraverso descrizioni “letterarie” dei luoghi» spiega l’urbanista Angela Barbanente, assessore regionale alla Qualità del territorio, che aggiunge: «Ora invece - grazie al Sistema informativo territoriale (www.sit.puglia.it) enti locali, operatori e cittadini conosceranno la perimetrazione e i confini ben definiti per ciascuna area sottoposta a vincolo». Ma il ruolo decisivo sarà giocato dalle regole certe. «Si tratta delle prescrizioni d’uso che per tutti i 154 vincoli - annuncia Barbanente chiariscono non solo quello che si
può fare ma anche come attuarlo. Duole riconoscerlo ma, nel passato, l’esercizio del controllo nelle aree sottoposte a tutela paesaggistica è stato esercitato dalle soprintendenze all’insegna della discrezionalità ».
Il lavoro di mappatura, frutto di un percorso di pianificazione congiunta fra il Ministero e la Regione, rappresenta così un primo e decisivo passo perché non si ripetano più gli scempi del passato in danno del territorio, visto che fino a ieri, chiarisce Barbanente, «non avevamo che i decreti ministeriali di vincolo che, spesso vaghi, attraverso una fin troppo libera interpretazione hanno consen-
tito che le coste garganiche e salentine fossero travolte da una sola colata di cemento. È avvenuto sia in maniera abusiva sia grazie alla manica larga degli enti locali». E le irrimediabili ricadute sul territorio, denuncia l’assessore Barbanente, «sono sotto gli occhi di tutti. Si pensi alla compromissione
dei cordoni dunali come delle stesse scogliere, per non parlare di intere zone industriali realizzate per esempio lungo la costa fra Barletta, Trani e Molfetta».
Ma quali sono i siti e le aree più significative ad emergere adesso? «Il Gargano e il Salento sono le zone caratterizzate dalla maggiore
concentrazione di vincoli, non per caso il primo vincolo ministeriale a interessare la Puglia, risalente al 1952, riguardava la pineta di San Domino, alle isole Tremiti, vincolate a loro volta per intero dal 1985. Oltre un terzo dei vincoli in Puglia, poi, sono stati decretati all’indomani della legge Galasso fra
il 1985 e il 1986». E non mancano, in assenza del Piano paesaggistico, casi paradossali, come denuncia l’urbanista: «A Nardò, per esempio, due piani di lottizzazione simili e vicini fra loro avevano ricevuto due pareri opposti. Mentre a Trani, dopo aver spuntato con il Comune la tutela di un parco adiacente una villa ottocentesca, ci siamo ritrovati dinanzi al via libera della Soprintendenza per la realizzazione di un complesso residenziale».
Chiamiamoli incidenti di percorso che, secondo quanto previsto dal Codice dei beni culturali, con l’adozione del Piano paesaggistico non dovrebbero più verificarsi, visto che il parere delle soprintendenze dovrà ancorarsi alle prescrizioni d’uso del Piano. E che la posta in gioco sia alta lo dimostra la tipologia delle aree sottoposte a vincolo dalle lame — da lama Monachile a Polignano a quelle baresi, vincolate nel 1985 — al paesaggio della Valle d’Itria. «Ma la tutela — conclude Barbanente — può essere efficace se è fatta non solo di vincoli, ma anche di strategie di valorizzazione dei beni culturali e ambientali, per i quali nel piano triennale per l’ambiente abbiamo stanziato tre milioni di euro e altri 50, attraverso i fondi Fas».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news