LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gorizia e Nova Gorica. Il museo sull'ex confine che unisce i ricordi
Mario Brandolini
Messaggero Veneto 27/1/2013

Alla Stazione Transalpina Gorizia e Nova Gorica inaugurano il Museo diffuso con la testimonianza di chi viveva di qua e di l
Storici friulani e sloveni hanno ricostruito le ragioni del "Muro" isontino
Il progetto risveglier una memoria collettiva che supera gli antichi contrasti

Sar inaugurato sabato 2 febbraio, alle 12, a Gorizia alla Stazione Transalpina "Topografie della memoria - Museo diffuso del Novecento". Un percorso multimedia-le e interattivo tra i luoghi della memoria e le memorie dei luoghi in dieci postazioni tra Gorizia e Nova Gorica. Il Museo diffuso, visitabile anche sul sito www.topografiedella memoria.it, va a completare un progetto, avviato nel 2008 dall'Associazione Culturale Qurantasettezeroquattro, il cui oggetto di studio sono gli anni che vanno dalla nascita del confine tra Italia e Jugoslavia, nel '47ela sua cancellazione ne12004. GORIZIA Ha preso l'avvio nel 2008 il progetto dell'associazione culturale Quarantasettezeroquattro con il quale giovani storici italiani e sloveni hanno inteso indagare nelle ragioni e nelle dimensioni, pubbliche e private, di una storia, quella del confine goriziano, attraverso testimonianze di coloro che quel confine l'hanno vissuto, nel periodo che va dal 1947, anno della costituzione del confine divisione di Gorizia e al 2004, anno della sua sparizione. Il progetto - ci dice Alessandro Cattunar, presidente dell'Associazione Quarantasettezeroquattro -, vuole valorizzare e promuovere una riflessione sulla storia del goriziano dal Fascismo alla nascita della frontiera, periodo essenziale nella formazione, definizione e ridefinizione dei confini non solo geografici ma soprattutto identitari della popolazione goriziana. Il nucleo centrale dell'iniziativa, come detto, stata la raccolta delle testimonianze delle storie di vita dei cittadini di Gorizia e Nova Gorica che hanno vissuto la nascita del confine e che ne hanno esperito anche la caduta. Racconti di vita confluiti nell'Archivio della Memoria - continua Cattunar - che abbiamo presentato settimane fa alle scuole con l'intervento di Moni Ovadia, e che sono alla base dei Percorsi multimediali e interattivi tra i luoghi della memoria e le memorie dei luoghi, il Museo diffuso - Topografie della memoria, che inaugureremo il prossimo 2 febbraio. Un progetto che, anche alla luce dei profondi mutamenti che hanno ridisegnato il senso politico e anche il vissuto di chi sta al di qua e al di l del confine, intende rileggerne la storia nella sua molteplicit di significati e di punti di vista. Il Museo, infatti - ancora Cattunar - stato pensato essenzialmente come un percorso in dieci tappe che unisce Gorizia e Nova Gorica. In ogni tappa ci sar un totem artistico in ferro che offrir al visitatore diversi stimoli: con una serie di testi descrittivi del luogo in cui si trova, che sar per possibile osservare anche da differenti punti di vista, uno sguardo a 360 gradi per capire che molteplici e variegate sono le modalit di osservare e conoscere un posto. Questo perch? Perch questa diversit di approccio a uno stesso soggetto si pu facilmente ricollegare all'esperienza che varie comunit e varie persone possono avere avuto di questo soggetto. La cosa importante che lo spettatore, chiamato in gioco, viene immerso nel luogo, spinto a guardarsi intorno e a farsi delle domande, aiutato anche dalle scritte in corrispondenza dei punti di vista. Questo soprattutto per comprendere la complessit della storia e per un bisogno non pi procrastinabile di riconciliazione? Noi - spiega Cattunar -, non crediamo che a livello individuale ci possa essere una memoria condivisa, quindi una conciliazione. Noi crediamo che sia fondamentale l'ascolto dell'altro, dei tanti punti di vista, per capire la storia di Gorizia come stata vissuta e perch cos dolorosa ancora oggi. Capire che non c' stata solo la sofferenza di un gruppo: ogni comunit ha vissuto i luoghi e gli eventi loro connessi con aspettative, paure, speranze per il futuro differenti. Nostra intenzione non emettere giudizi. La Storia pu essere condivisa. La memoria no, va tramandata, ascoltata e compresa nella sue implicazioni psicologiche, famigliari, emotive, etc. Il museo non vuole raccontare la Storia, ma le tante storie che passano attraverso le memorie che sono plurime, dal momento che non esiste una memoria 'ufficiale' slovena o italiana. Gli italiani, come gli sloveni, ricordano le cose in modo molto diversificato, a seconda dell'appartenenza politica, del lavoro che si faceva, dei legami famigliari. E con uno sguardo al futuro, conclude: Il Museo diffuso creato al di qua e al di l, costringer la gente ad attraversare pi volte il confine, proprio per dare l'idea di un territorio unico, che pu svilupparsi solo se ragiona in un ottica pi ampia, nel superamento delle contraddizioni e delle tensioni del passato.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news