LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Due anni e 193 timbri per aprire una finestra
LORENZO TONDO
SABATO, 26 GENNAIO 2013 LA REPUBBLICA - Palermo



Il racconto di un architetto nisseno che doveva realizzare il lavoro in un’abitazione nel centro storico di un piccolo paese

Il progetto presentato nel dicembre 2010, il via libera è arrivato lo scorso 4 gennaio


CINQUE chili di carta, 193 timbri e altrettante firme. Una trafila di attese e ritardi lunga 2 anni, un guazzabuglio di norme, note solo a pochi, su cui vale la pena ogni tanto aprire una finestra e consentire ai più di gettarvi uno sguardo. Tanto più quando la finestra in questione è la protagonista del nostro racconto. Ricavarne una in un appartamento del centro storico siciliano può diventare un incubo snervante oltre che dispendioso. Un rompicapo burocratico, tra richieste di nullaosta e verifiche, beffe e modifiche, dove pazienza e nervi saldi spesso non bastano.
La storia della lotta con la burocrazia per aprire una finestra comincia il 16 dicembre 2010, nello studio di un architetto nisseno dove il progetto prende vita. Sarà larga appena 40 centimetri e alta 50. Una bella veduta su un cortile interno e persiane genovesi verdi. Dopo appena 15 giorni di ricerche sulla regolamentazione del centro storico in oggetto, il progetto è pronto per il suo viaggio. La prima tappa è quella della Soprintendenza di Caltanissetta, la porta del labirinto. Prima di inoltrare il plico, al progetto verrà allegata una lunga sfilza di carte, tra cui una relazione tecnica, una paesaggistica, foto e disegni dello stato attuale e futuro della parete, rendering grafico, un versamento di 30 euro e svariate carte e resoconti. Ci vorrà almeno un mese prima che la pratica
arrivi sul tavolo del soprintendente. Qui, i tecnici della Regione rileveranno eventuali errori o non conformità. Ogni
eventuale «errore», tornerà indietro, in ordine gerarchico, dal primo all’ultimo funzionario e rispedito al mittente, costretto
quindi a ricominciare dall’inizio il suo iter. I burocrati allargano le braccia: «Norme e controlli», dicono, «sono armi necessarie per fronteggiare il mostro dell’abusivismo».
La prima tappa si conclude dopo 4 mesi, quando al plico, compiuto il primo giro di boa, vengono apposti i primi 20 timbri.
Il 10 giugno del 2011 il progetto arriva agli uffici del Comune nel cui centro storico deve essere realizzata la finestra e viene inoltrato al Genio Civile. Eccoci nella tana del lupo. La più burocratica delle bocche amministrative siciliane. In pasto a tecnici e funzionari che millimetro dopo millimetro spulceranno le carte. Ai documenti richiesti dalla soprintendenza andranno aggiunte tutte le verifiche sulle murature esistenti, una relazione tecnica, qualità e dosature dei materiali da impiegare, un progetto strutturale dell’opera, e tanto, tanto altro ancora.
All’architetto vengono chiesti ulteriori disegni esecutivi su come intende effettuare un
buco di 18 centimetri di diametro nel solaio. Ci vorranno 120 giorni prima che l’ultimo timbro del Genio Civile marchi il progetto. Salvatore Lo Iacono, dirigente del Genio Civile di Caltanissetta, spiega così le lungaggini: «Commettere un errore o autorizzare una concessione all’uomo sbagliato — spiega Lo Iacono — può costare molto caro ad un funzionario. La paura, unita ad una mancanza di informatizzazione del reparto, purtroppo ci rallenta».
Sono passati 11 mesi e la finestra è ancora un insieme di numeri e misure. I nulla osta sulla pratica che il Comune dovrà autorizzare, a questo punto sono due. Il terzo dovrà arrivare dall’Asp di Caltanissetta. Che, però avanza subito una richiesta: una verifica sull’illuminazione della finestra. Al progettista tocca il compito di dimostrare che l’apertura della finestra riuscirà a coprire almeno un ottavo del perimetro della stanza. Fatto ciò e passati altri 6 mesi, il 14 maggio 2012 il Comune rilascia la tanto attesa autorizzazione di inizio lavori.
Tutto qui? Non ancora. La palla passa ora alla ditta che dovrà costruire la finestra. Essa dovrà inviare agli organi competenti una lunga sfilza di fogli sulla regolarità nei versamenti e le modalità di intervento. Tempi di attesa: 5 mesi. Dopo 749 giorni, 193 timbri e 5 chili di carta, il 4 gennaio scorso la finestra esce finalmente dal labirinto. Per costruirla c’è voluta appena una settimana.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news