LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«In Italia il cinema non si fa più»
Francesca Scorcucchi
06/03/2005, Il Mattino



Los Angeles. Dante Ferretti è già al lavoro. Dopo aver ottenuto, con sua moglie Francesca Lo Schiavo, l'Oscar per la migliore scenografia di «The Aviator», di Scorsese, non ha avuto molto tempo per festeggiare. Il giorno dopo la coppia è ripartita per Sofia, in Bulgaria, dove si sta girando «The Black Dahlia» di Brian De Palma e dove Ferretti e signora sono chiamati a un compito ardito: ricostruire Los Angeles. Ferretti, dove ha conservato gli Oscar? «Le ho affidate ai miei figli, nella nostra casa di Roma». Ma lei e sua moglie ormai vivete a Miami. Perché Roma? «Perché in fondo la nostra vera casa è a Roma, anche se ormai viviamo dappertutto e abbiamo una casa a Miami dove stiamo la maggior parte del tempo. Ma i miei ricordi più belli sono a Roma, è lì che ho le radici. È la casa di Roma quella che riempo di ricordi». Ora ricostruisce la Los Angeles degli anni Quaranta a Sofia: non era più facile farlo proprio a Los Angeles? «Se un giorno dovrò ricostruire Sofia mi manderanno a Los Angeles, è il mio destino. Sarebbe stato molto più semplice girare a Los Angeles, ma è questione di soldi, in Bulgaria costa tutto meno. È una decisione che prende il produttore e nessuno può dire niente». Per gli esterni, come fa a trasformare la Los Angeles di oggi nella città che era sessant'anni fa? «Abbiamo scelto già tutte le location, posti veri. Ma andranno riadattati, vanno cambiate delle scritte e delle vetrine che una volta non c'erano. È questo il mio mestiere. Quando si vedono i film al cinema sembra tutto naturale, invece, dietro le cose che sembrano naturali c'è un grande lavoro». Da che parte comincia quando le viene affidato un nuovo progetto? «Dal copione. La prima cosa che bisogna capire è di che storia si tratta. Attraverso le ambientazioni e la scenografia devo dare vita alla storia. È importante quindi leggere bene la sceneggiatura e pensarci un po’ su. Poi comincio a fare ricerche su quel periodo e sul tipo di ambiente che devo realizzare». È quella la parte più difficile del suo lavoro? «No, quella della ricerca è una fase piuttosto facile. La parte difficile, ma anche più bella, è disegnare. Disegno le scene, faccio i bozzetti e i modellini tridimensionali da mostrare al regista». Quali scene di «The Aviator» pensa le siano riuscite particolarmente bene? «Quella del Cocunuts Grove e quella dell'ufficio della Pan Am. In quel film abbiamo ricostruito tutto, persino il Teatro Cinese». Come mai non avete utilizzato quello vero, che è uno dei simboli di Hollywood? «Perché è cambiato, o meglio, è cambiato quello che gli sta attorno. Una volta di fronte al Chinese Theatre c'erano le palme. Avremmo dovuto bloccare il traffico per sei giorni e sarebbe costato troppo. Quindi l'abbiamo ricostruito in Canada, a Montreal». Il suo rapporto con Scorsese? «L'ho conosciuto tanto tempo fa, abbiamo già fatto sei film insieme e posso dire che meriterebbe l'Oscar, ma non voglio polemizzare». Vi siete conosciuti in Italia, vero? «Sul set de “La città delle donne”. Lui era venuto a far visita a Fellini e lui ci ha presentati. Poi Scorsese mi chiamò per fare “L'ultima tentazione di Cristo”, ma io ero occupato, mi chiamò una seconda volta e idem, alla terza richiesta corsi da lui: per “L’età dell'innocenza”». E in Italia non vorrebbe tornare a lavorare? «Mi piacerebbe eccome, d'altronde sono italiano. Ma il cinema in Italia, chissà per quale motivo, non si fa più, o comunque sempre di meno. E quindi eccomi in Bulgaria».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news