LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CHE fine ha fatto Il grido di Edward Munch?
Danilo Maestosi
Domenica 6 Marzo 2005, Il messaggero



CHE fine ha fatto Il grido di Edward Munch, quadro profetico che decreta l’addio alle utopie romantiche dell’Ottocento e annuncia gli orrori del Novecento? E perché i ladri continuano a farne bersaglio: la prima versione portata via e recuperata anni fa, la seconda trafugata l’anno scorso e mai più ritrovata.
Inutile negarlo. E’ un’assenza che pesa come un macigno sulla mostra, in scena dal 9 marzo al 19 giugno, con cui il Vittoriano inaugura la stagione e prosegue il suo fortunato ciclo di rivisitazioni dei grandi maestri dell’arte moderna. E apparentemente sbilancia il confronto con altre rassegne che l’Italia ha dedicato ad Edward Munch (1863-1944): una recente tenutasi a Verona inizio Duemila, e un’altra, ancora più ricca, che venti anni fa fece tappa a Milano e a Roma. Dovremo rassegnarci a rivivere l’emozione del capolavoro scomparso attraverso una litografia.
Ma chissà che proprio il vuoto di questa gettonatissima icona, compensato in mostra da altre tele mai viste, pescate da collezionisti privati ad arricchire i massicci e generosi prestiti dei musei di Oslo, non consenta di riavvicinarsi con occhio più attento e meno scontato alle opere di questo geniale pittore norvegese? Comprendere più a fondo la ricchezza e l’attualità del suo lavoro, che fonde nel suo immaginario nordico e indirizza verso orizzonti mai battuti prima, fino quasi a sfiorare quelli estremi dell’arte astratta, le ricerche degli impressionisti e dei postimpressionisti, la libertà del colore dei Fauves, il formalismo decorativo dell’Art Noveau, i percorsi intimisti del simbolismo, le tensioni degli espressionisti cui prepara la strada.
La controprova di questo mirato ampliamento di angolazioni e visuali critiche, è già nella scelta dei curatori: al norvegese Oivind Storm Bjerke si affianca lo sguardo di un esperto più eclettico e fuori asse come Achille Bonito Oliva. Nel saggio di presentazione, incluso nel catalogo edito da Skira, il teorico della transavanguardia apre stimolanti piste di rilettura del lavoro di Munch: «la sua idea di tempo circolare», «le sue immagini costruite a balzi, fuori dalla retta del progetto», il suo oscillare tra «concentrazione figurativa e cornice astratta», «descrizione e decorazione», «convenzione e invenzione».
Ma la conferma è soprattutto affidata alla visione delle opere: i dipinti, una sessantina di oli, sgranati in ordine cronologico lungo il percorso, gli inquietanti colori delle Ragazze del Ponte del 1901 spostate all’inizio come biglietto da visita; una cinquantina di stampe, incisioni, xilografie concentrate in una sala diversa; e infine una terza sala interamente dedicata alla fotografia, con quella illuminante progressione di autoritratti che Munch cominciò a scattare all’inizio del Novecento su impulso del suo amico scrittore August Strimberg, e che fanno da specchio alla sua continua, morbosa introspezione degli abissi dell’anima.
Non ci sarà Il grido . Ma c’è Disperazione , il quadro che lo precede e ne riassume l’ispirazione. Lo stesso pontile, le stesse figure nere sullo sfondo, lo stesso panorama di colori increspati, ma in primo piano un giovane cupo, gli occhi abbassati: «ero stanco, malato, il tramonto tingeva il cielo di sangue, mi sembrò di sentire l’immenso grido della natura», racconterà l’autore in un suo scritto. «E’ la sofferenza che si fa sentimento cosmico. La consapevolezza che il Giudizio Universale non è un altrove che verrà ma il mondo stesso in cui viviamo: un quadro che come Guernica e pochi altri diviene emblema profetico, pronto a moltiplicarsi in manifesto», commenta Achille Bonito Oliva.
Non ci sarà neppure la Madonna , anch’essa asportata dai ladri nello stesso colpo. Ma a rimpiazzarla ci sarà una versione più tarda, «non finita», prestata da un collezionista americano, che rende ancor meglio l’idea dell’artista, falsata da un titolo aggiunto da altri: ritrarre una donna subito dopo l’orgasmo, in una tregua che riassume il segreto della vita.
Già, il senso smarrito e sfuggente della vita. Un’ossessione per Munch, che si addentrò e si perse, fino a finire per un anno in manicomio, nel labirinto angoscioso di questa ricerca, traducendola in vari quadri, che poi raggruppò in un ciclo, come tappe in sequenza di un unico Fregio, esposto a Berlino. Una mostra che fece scandalo, ma contribuì a lanciarlo. Ed è facile capire perché rivedendo i quadri che lo compongono, tutti presenti nella rassegna del Vittoriano. Segni e colori che penetrano sotto la pelle della realtà, rendono visibile l’invisibile. Oltre al Grido e a Madonna, tra gli altri, anche La bambina malata : uno struggente ritratto della sorella stroncata dalla tisi quando il pittore aveva appena 14 anni, una tragedia che lo segnò.
Capolavori che rappresentano il cuore pulsante di questa nuova passerella romana, allestita con rigore e impegno da Alessandro Nicosia. Preceduti e affiancati da opere, paesaggi soprattutto, che documentano gli influssi del soggiorno a Parigi, crinale della sua maturazione: l’ammirazione per Seurat, Pissarro, un tributo alle donnine di Degas, la folgorazione per Gauguin e Van Gogh. E seguiti dai quadri dell’estrema maturità, dipinti tutti nell’eremo fuori Oslo di Ekely, su cui grava un mistero mai chiarito. Munch li ammassava all’aperto, lasciandoli dilavare dal gelo, coprire da muffe e escrementi di topi. Una tecnica voluta per trasformare in corpi doloranti anche le tele o solo l’apatico distacco di un artista che ha toccato un fondo dove nulla ha più senso?







news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news