LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appia, è tutto un condono
P. Br.
Corriere della sera - cronaca Roma 5/3/2005

«Siamo accerchiati dai condoni». Nella sala conferenze di Palazzo Massimo alle Terme la voce di Rita Paris scende come una lama nel piccolo uditorio convocato dal convegno di Italia Nostra sulla tutela del-l'Appia Antica. L'archeologa, direttrice del prestigioso museo romano che ospita la tre giorni di studi, è la responsabile archeologica del Parco dell'Appia.
«Ogni giorno vengono rilasciati condoni edilizi che sanano abusi gravissimi - prosegue Rita Paris - e rimangono impuniti abusi che hanno devastato e trasformato questa delicatissima area allontanandone sempre di più la possibilità di un recupero». E ancora: «Si è già avuto occasione di sottolineare come rispetto agli impegni assunti dal piano regolatore del 1965 si sia tornati indietro al punto che oggi occorre ancora battersi per affermare l'esistenza degli "straordinari valori storici, archeologici e naturalistici" riconosciuti da quell'atto».
Va avanti l'affondo dell'archeolo-ga. Ora dice: «Le vaste zone di campagna conservate ai lati dell'Appia sono ancora fortemente permeate dai caratteri dell'agro romano antico, patrimonio inestimabile della città che, nello sviluppo della città, dovevano essere salvaguardate come il più prezioso dei valori, mentre sono state aggredite senza riferimento neppure al peggiore dei piani regolatori o piani paesistici». Accorata la conclusione che riporta le parole dell'appello sottoscritto nel 1954 da una decina di personalità (da Ignazio Silone a Ugo La Malfa passando per Umberto Zanotti Bianco) contro la rovina dell'Appia e rispetto al quale c'è poco da aggiungere. «La via Appia Antica - recita il testo degli anni '50 riletto dalla Paris - forma un tutto inscradibile con la superstite campagna romana a sud di Roma, attraversata dalle vie della Caffarella, Appia Pignatelli, Ardeatina e Laurentina; l'integrità monumentale e paesistica della via Appia Antica si mantiene solo con l'integrità della campagna adiacente e qualunque nuova costruzione ne compromette irrimediabilmente il carattere che i secoli e la naturale hanno conferito».
Rita Paris abbandona il microfono e spiega a margine del convegno: «II quadro in cui operiamo è sconfortante. Il Comune sta liquidando le richieste degli ultimi due condoni. Ha la sub delega dalla Regione per il vincolo paesaggistico. E così il parere su questo vincolo è del comune che a sua volta gira la pratica alla Soprintendenza per i beni architettonici. E questa soprintendenza non ci coinvolge mai, non chiede mai il nostro parere. E così non procede all'annullamento delle richieste neanche nei casi più eclatanti. Va avanti così da anni. E noi? Noi abbiamo scritto numerose lettere ai direttori generali del ministero, abbiamo chiesto riunioni, segnalato il problema. Eppure la legge di tutela prevede il nostro coinvolgimento nell'espressione del parere. Insomma, si è creato un vuoto nella nostra amministrazione».
Risultato? «Sono migliaia i condoni effettuati nel territorio dell'Appia antica. La campagna è consumata da costruzioni abusive che vengono regolarizzate. Ed è paradossale; dal 1965 infatti l'Appia avrebbe dovuto essere un parco pubblico con totale inedificabilità».
Rita Paris è stata più che chiara. In sala ad ascoltarla anche rappresentanti del dicastero. La sua denuncia fa impressione. Ma del resto basta andare a dare un'occhiata nel Parco dell'Appia, posseduto dall'ente solo per il 12%: ville, villette, campi da tennis, circoli. Un condono dopo l'altro, escludendo il parere degli archeologi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news