LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il modello è l'autocertificazione anche per creare una società
Enrico Marro
Corriere della sera 5/3/2005

ROMA — Nel provvedimento sulla competitivita che il governo sta mettendo a punto, la semplificazione delle procedure per l'apertura delle attività imprenditoriali è un capitolo acquisito. Invece non è ancora chiaro se la libertà di fare a meno di autorizzazioni, licenze, concessioni, permessi e nulla osta si estenderà fino ai beni culturali e paesaggistici, aprendo la porta a una sorta di condono permanente, come sostengono gli ambientalisti. Il dubbio nasce dal fatto che ci sono tre differenti versioni delle norme che riguardano la «dichiarazione di inizio attività» (Dia). La prima è quella contenuta nella bozza del provvedimento consegnata all'inizio della settimana alle parti sociali (articolo 11), la seconda e la terza sono quelle elaborate in questi ultimi giorni dal ministero della Funzione pubblica e da quello delle Attività produttive.
Tutte e tre le versioni affermano la procedura dell'auto-certificazione per chiunque voglia aprire un'«attività imprenditoriale, commerciale o artigianale». Dopodiché l'amministrazione «può richiedere informazioni e certificazioni» ulteriori. Ma, «decorsi trenta giorni» dalla presentazione della Dia senza che gli uffici si siano pronunciati o abbiano sollevato ostacoli, il cittadino può iniziare la sua attività, perché si è realizzato il «silenzio-assenso».
A quel punto l'amministrazione ha altri trenta giorni per intervenire e decidere la chiusura dell'azienda «in caso di accertata carenza delle condizioni, modalità e fatti legittimanti».
Le cose si complicano quando la Dia va a sostituire atti rilasciati dalle amministrazioni preposte «alla tutela dei beni culturali e paesaggistici, alla tutela dell'ambiente». Nella bozza consegnata a sindacati e imprese è scritto che in questi casi l'autocertificazione non vale. Così anche nel testo proposto dalle Attività produttive, sia pure con una formulazione diversa. Nell'articolo messo a punto dalla Funzione pubblica, invece, questa deroga non c'è. La differenza non è di poco conto: nel primo caso resterebbero in vigore i vincoli che la legge attualmente pone sui beni storici e paesaggistici così come quelli previsti dai piani urbanistici, nel secondo verrebbero saltati e, per esempio, si potrebbe avviare, con la semplice procedura di autocertificazione, un'attività economica anche in una zona protetta. Il ministro Baccini si giustifica dicendo che la competenza su queste materie è delle Regioni. Ma il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, fa sapere di essere contrarissimo all'eventualità che la Dia possa essere utilizzata per scavalcare i vincoli esistenti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news