LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Silenzio-assenso: 30 giorni poi il via a nuove imprese e lavori
Antonella Baccaro
Corriere della Sera 5/3/2005

ROMA—«Una svolta epocale». Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha presentato così la «Dichiarazione d'inizio attività» e la nuova regola del «silenzio-assenso» che diventeranno gli articoli 11 e 12 della legge sulla competitività e serviranno a semplificare le procedure burocratiche. Chiunque presenterà una domanda per avere l'autorizzazione «per qualsiasì intrapresa», attività economica o modifica architettonica, fornendo una serie di autocertificazioni, dovrà aspettare 30 giorni, scaduti i quali, nel caso di silenzio dell'amministrazione, l'autorizzazione si intenderà concessa.
Ma sull'innovazione, che dovrebbe avvicinare i cittadini alla pubblica amministrazione, cala il veto degli ambientalisti, preoccupati che la norma possa essere applicata anche in presenza di beni culturali, paesaggistici e ambientali. Per questo, secondo il Verde Sauro Turroni, la generalizzazione del silenzio-assenso «consente in nome dello sviluppo, il sacco definitivo dell'Italia».
BASTA SILENZI — «Meno leggi inutili e più libertà». Il ministro della Funzione pubblica, Mario Baccini, azzarda uno slogan per presentare la sua prima iniziativa. «Non vogliamo sottrarre alla pubblica amministrazione i poteri —tiene a precisare — vogliamo che qualsiasi amministrazione possa essere in grado di dare in tempi certi una risposta ai cittadini e alle imprese: un sì o un no, motivandolo. Questo è il segreto per cui non ci potranno essere più richieste inevase per anni».
Forse intuendo le obiezioni degli ambientalisti, il ministro precisa che la norma non riguarderà «i beni culturali, quelli ambientali e i vincoli urbanistici regionali».
CONDONO MASCHERATO — Ma al fronte ecologista non basta. «Data la situazione in cui versano tutti i nostri enti pubblici, il silenzio-assenso è uno strumento pericolosissimo che va usato in modo puntuale e in estrema cautela» attacca il Wwf. Il rimedio suggerito? Specificare esplicitamente le leggi a cui si applica il silenzio-assenso «e non solo i temi che possono essere esclusi». Legambiente attende «di conoscere i contenuti del provvedimento», ma per il presidente Roberto Della Seta «si può già dire che esso si muove nella medesima logica che ha portato questo governo a varare il condono edilizio e ad aprire la strada alla alienazione dei beni di proprietà dello Stato, delle Regioni, dei Comuni».
Ancora più netto Turroni: «Si tratta di un condono preventivo, gratuito e che non servirà neppure a fare cassa. Infatti l'esclusione dei beni culturali e ambientali, che Berlusconi e Baccini millantano, non servirà a nulla dato che riguarderà, come al solito, la ristrettissima categoria dei beni sottoposti a vincolo puntuale».
In serata giunge la precisazione del ministro Baccini che insiste: «L'attestazione di tempi certi all'azione delle pubbliche amministrazioni è oltremodo l'ulteriore segno del processo di modernizzazione del sistema Italia. Restano comunque esclusi dal provvedimento alcuni settori particolarmente sensibili alcune specifiche fattispecie di particolare delicatezza, così come rammento sta alle Regioni la competenza in materia di urbanistica ed edilizia».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news