LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appia, patrimonio ad alto rischio - Un piano di speculazione edilizia nell 'area del Colle della Strega
ADRIANO LA REGINA*
La Repubblica, ed. Roma, 03/03/2005

Parco di Veio distrutta necropoli
DANNEGGIAMENTO di sito archeologico, lottizzazione, deturpamento di bellezze naturali. Sono alcuni dei reati accertati dagli agenti del Corpo Forestale alla base del sequestro di unareadicinqueettari. L'area, ricadente nel Parco di Veio, ospitava otto ville di grandi dimensioni. Era stata anche costruita una strada lunga 470 metri e larga 4 che ha distrutto un sito archeologico, che ha contenuto la più estesa necropoli della zona.




LA COSTITUZIONE di un ampio comprensorio protetto sull'asse della via Appia, al fine di assicurare lamigliore conservazione dei caratteri storici e del paesaggio in quellaparte del suburbio romano tanto amata e celebrata dalla cultura europea nel corso degli ultimi tre secoli, è stata un'impresa non facile e tuttora assai lontana dall'essere conclusa. Attraverso un processo sviluppatosi non sempre linearmente negli ultimi quarant'anni verso l'obiettivo di sottrarre il territorio dell'Appia alle mire della speculazione immobiliare, dapprima
lo Stato e il Comune di Roma e poi anche la Regione avevano instaurato una serie di norme di tutela, con il piano regolatore, con vincoli archeologici e di paesaggio, con leggi regionali, I che lasciavano sperare in un progressivo rafforzamento delle capacità di controllo su aspetti di pubblico interesse, quali sono appunto il paesaggio ed i monumenti antichi. E di quale paesaggio e di quali monumenti si tratti quando si parla della via Appia sanno bene tutti coloro che hanno a cuore le bellezze e la storia della nostra terra.
Mai speranza è stata così mal riposta. La nobile e plurisecolare tradizione giuridica di tutela delle opere d'arte e delle bellezze naturali elaborata in Italia è ora vanificata da norme per-ìmissive nei confronti di ogni forma di abuso, già introdotte nel nostro ordinamento, ed è inoltre minacciata da incalzanti proposte di legge intese a scardinare quanto resta del sistema di difesa del patrimonio storico artistico e del paesaggio; sistema tuttora preso ad esempio in quei paesi che intendono dotarsi di strumenti di tutela.
Ancora più sconcertante è la posizione assunta di recente dagli uffici centrali e regionali del Ministero per i beni e le attività culturali che hanno chiaramente adottato un nuovo orientamento, non si comprende se in attuazione di direttive politiche o per spontanea inclinazione al disarmo. E stato abbandonato il programma, perse

guito da oltre venticinque anni, di proteggere gradualmente l'intero comprensorio dell'Appia con vincoli archeologici, secondo le attese della cultura universale. Circa la metà del territorio gravitante sulla via Appia, infatti, richiede ancora l'adozione di provvedimenti di tutela. Dal momento in cui sono state istituite le direzioni 'regionali', in realtà uffici ministeriali spesso diretti da funzionari privi di qualunque specifica competenza culturale necessaria per valutazioni di natura scientifica, nella nostra regione è stato inficiato ogni intento di tutela archeologica di ampia portata, come è nel caso della via Àppia.

Per non parlare dell'irregolare condono di abusi edilizi macroscopici, anche direttamente a ridosso della via Appia ,favorito mediante l'inos-servanza delle norme che rendono obbligatorio il parere dell'ufficio preposto alla tutela archeologica.
Tutto questo avviene stranamente mentre si diffonde una sensibilità sempre più attenta da parte dei cittadini nei confronti delle qualità fondamentali del nostro ambiente.
Ne è un esempio un progetto di iniziativa popolare inteso a is tituire un parco nella zona del Colle dela Strega presso la Cecchignola, ossia su una porzione di territorio ubicato tra l'Eur e la via Ardeatina,
assai pregiato per i suoi caratteri naturalistici, ricco di resti archeologici e già riconosciuto di notevole interesse per il paesaggio. Proprio in virtù di queste sue qualitàl'area è stata finora risparmiata dalla disordinata trasformazione che ha menomato il territorio circostante. Tale fortunata circostanza non sembra però destinata a durare. Vi sono infatti propositi di pesante edificazione che, se realizzata, risulterà devastante perl'intera zona.
In effetti l'area del Colle della Strega e del fosso della Cecchignola possiede i requisiti necessari per entrare a far parte del Parco regionale dell'Appia.
otrebbero infatti esservi inseriti il corridoio costituito dal fosso, con le sue fasce di rispetto, ed i terreni ancora non edificati ad esso adiacenti nelle tenute della Cecchignola e di Tor Pagnotta. L'e-stensione ramificata del territorio del Parco su suoli ancora liberi all'interno del tessuto edilizio, anche su ambiti territoriali non particolarmente estesi, potrebbe costituire una strategia vincente per la riqualificazione del suburbio romano sul versante meridionale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news