LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il restauro di Stupinigi
Susanna Caccia
L'Unità 6/1/2013

La Palazzina di caccia torna (in parte) al pubblico
Questa vicenda sottolinea come possa esistere un punto di partenza del progetto condiviso: l'individualità di ciascun intervento

CON LA RIAPERTURA DELLA SALA CON I 13 DIPINTI DI VITTORIO AMEDEO CIGNAROLI (1771) CHE RAPPRESENTANO LE VARIE FASI DELLE CACCE REALI, un altro tassello di uno tra i più complessi e interessanti restauri italiani si è compiuto. Per l'ultima delle residenze costruite dai Savoia, la Palazzina di caccia di Stupinigi alle porte di Torino, questa non è stata l'unica apertura. Dal 2009, anno del dissesto dell'Ordine Mauriziano che rimane proprietario della Palazzina, oltre che delle abbazie di S. Antonino di Ranverso e di Staffarda in Piemonte, la più significativa riapertura è stata forse quella nel novembre 2011. Dopo quasi dieci anni di restauro, si è restituita al pubblico una delle più intriganti architetture del Settecento italiano, la manica di Levante della stessa Palazzina, opera di straordinaria complessità distributiva e decorativa, progettata da Benedetto Alfieri, che ha visti mobilitati per il progetto Soprintendenze, restauratori e studiosi. Riapertura che è coincisa con quella al pubblico dell'intera Palazzina di caccia. Grazie anche all'impulso dei due curatori del fallimento dell' ordine, Cristiana Maccagno e Giovanni Zanetti. Commissionata a Filippo Juvarra da Vittorio Amedeo II, ufficialmente l'11 aprile 1729, la Palazzina conosce, in realtà, progetti antecedenti dello stesso Juvarra che vi lavorerà sino al 1736. Gli interni intrecciano i virtuosismi di scultori, intagliatori, stuccatori, artigiani e pittori, come Giovanni Battista Crosato, Carlo Andrea Van Loo, Gerolamo Mengozzi Colonna, Giuseppe e Domenico Valeriani. La costruzione della palazzina prosegue anche dopo la partenza di Juvarra per Madrid, con le maniche di Levante e Ponente, nonché con quelle parti che fanno dell'edificio una struttura architettonica, singolarmente unitaria. Una storia complessa, non ancora interamente svelata, che vede dal 1738 lavorare al progetto Benedetto Alfieri sino al 1767, e poi Birago di Borgaro e Ludovico Bo. La storia recente del restauro comincia nel 1987, ma è dal 1995, quando viene affidato agli architetti Roberto Gabetti, Aimaro Isola e Maurizio Momo, che i lavori conoscono nuovo slancio. Un cantiere che oggi sta interessando le facciate verso il parco esterno, gli appartamenti del re e della regina e, si spera il salone centrale, la sua balconata, e la straordinaria copertura lignea. Un restauro che è proceduto per parti, restituendo al visitatore le due orangeries, le stalle e il giardino interno, riportato al disegno Juvarriano, oltre la manica di Levante e la sala della caccia. Intervento che ha inoltre avviato il recupero del parco esterno, acquisito dalla Regione Piemonte, sotto vincolo di mantenerlo nella forma che la commenda Mauriziana aveva definito, con l'impegno anche di eliminare la strada che con la circonvallazione della Palazzina, ne interrompe l'unità. Oggi quest'opera incompiuta di restauro si propone quasi un paradigma per tante questioni italiane, tra le altre anche quella della recente "reintegrazione. a livello accademico di storici e restauratori. Stupinigi sottolinea come possa esistere un punto di partenza del progetto di restauro condiviso: l'individualità di ciascun intervento, da studiare e valutare, partendo dal processo conoscitivo dell'opera e del suo contesto storico e paesaggistico. Un'enfasi sull'individualità del «fatto. storico, che il restauro condivide del resto con una parte almeno della ricerca storica e sociale. Se i limiti conoscitivi, prima che operativi del progetto di restauro devono essere individuati di volta in volta, proprio un procedere per fasi ribadisce la necessità della «continuità” che deve contraddistinguere l'azione progettuale del restauro. Un programma complesso quello di Stupinigi che ha dovuto misurarsi anche con la scala paesaggistica, segnata dalla matrice generativa del progetto juvarriano, che disegna le rotte di caccia a partire dalle aperture del salone centrale. Un intervento che interessa anche architetture considerate minori come il canile. Anche per questa ragione Stupinigi è un progetto aperto su cui oggi si misurano contributi accademici, come quelli dell'atelier di restauro e valorizzazione del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino. Un'integrazione di saperi che quasi impone la definizione di un'opportuna metodologia di ricerca, ad iniziare dalla raccolta, elaborazione e controllo delle fonti storiche, per Stupinigi in gran parte concentrate nello straordinario archivio dell'Ordine Mauriziano. Fonti che evidenziano problemi di ordine giurisdizionale che persistono oltre l'abbandono da parte dei Savoia del suo uso, a cavallo della prima guerra mondiale. Senza la capacità di leggere le fonti come frutto di azioni, volontà o conflitti, anche il restauro sarebbe rimasto formalista e, probabilmente, non si sarebbe posto e soprattutto non avrebbe saputo affrontare il problema del rapporto tra Palazzina e territorio. Una visione delle fonti quella che Stupinigi propone con cui si deve confrontare oggi tutto il restauro, procedendo oltre la concezione della storia come legittimazione e muovendosi, invece verso quella ben più complessa di una storia come materia fondamentale dello stesso progetto di restauro.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news