LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per i musei il futuro è nella qualità
Costantino Cossu
Nuova Sardegna 4 MAR 2005

Negli ultimi anni i musei, in Sardegna, sono spuntati un po' dappertutto, come funghi. Non c'è quasi assessore alla Cultura, neppure dei Comuni più piccoli, che non abbia accarezzato l'idea di mettere su la sua bella esposizione. Ci sono musei etnografici, musei delle tradizioni popolari, musei di strumenti musicali, musei del coltello, musei paleontologici. Un gran calderone. Ora la Regione prova a mettere un po' d'ordine. Gli interventi di razionalizzazione sono ancora allo studio, ma esistono già alcune linee generali stabilite da un gruppo di lavoro composto da esperti del settore; un progetto di massima che l'assessore alla Cultura, Elisabetta Pilia, illustrerà oggi a Sassari nell'incontro-dibattito su «Sassari, città della cultura» organizzato dai Democratici di sinistra nella sala Angioy del Palazzo della Provincia.
«I musei — dice Elisabetta Pilia — sono una risorsa culturale di fondamentale importanza, sono uno dei mezzi attraverso i quali prende forma l'immagine di un territorio e si definisce e si trasmette la sua identità». Bisogna però capire che cos'è davvero un museo, visto che poi in Sardegna l'etichetta è stata applicata un po' a tutto. Dal lavoro dell'assessore, e del team di esperti consultati, una definizione è venuta fuori. Ed è questa: «Museo è un'istituzione permanente che raccoglie, conserva, ordina, espone beni culturali, salvaguardando e portando a conoscenza dei cittadini testimonianze di cultura materiali e immateriali, a fini di studio, di educazione e di diletto». E per non lasciare spazio ad equivoci, si fa anche una distinzione tra museo da una parte e raccolte museali e siti culturali dall'altra: «Per raccolta museale s'intende una struttura che svolge principalmente le funzioni di conservazione ed esposizione. I siti culturali (aree archeologiche, centri di documentazione, monumenti e complessi monumentali), pur essendo privi di caratteristiche museali, svolgono significative funzioni culturali nell'ambito locale».
«Fino ad oggi — spiega la Pilia — la Regione è intervenuta nel settore solo per erogare finanziamenti; la solita logica dello sportello. Ora vogliamo definire, per l'amministrazione pubblica, un ruolo attivo d'indirizzo, di programmazione e di coordinamento». Dai dati si capisce quanto raggiungere questo obiettivo sia urgente e utile. In Sardegna ci sono 179 musei: 55 sono musei etnografici, 34 archeologici, 36 artistici,26 scientifico-naturalistici, 32 d'altro tipo. Solo 7 sono gestiti direttamente dalla Regione. Una realtà frammentata, che non fa sistema e che in molti casi ha evidenti limiti qualitativi. In tanti centri dell'isola c'è stata un vera e propria «corsa al museo», nella speranza di catturare qualche turista in più, magari strappandolo alle spiagge e al mare. «Una recente analisi degli economisti del Crenos — spiega l'assessore Pilia — condotta su un campione di 93 musei (comprensivo di alcuni musei statali e di spazi espositiyi senza collezioni e senza destinazione fissa), rileva come 10 strutture, visitate da almeno 30.000 persone all'anno, registrino da sole il 72% del totale delle presenze; gli altri musei, evidentemente, sopravvivono con un pubblico estremamente ridotto. La precisa correlazione del flusso delle visite all'andamento del turismo balneare è poi sintomo di un tendenziale disinteresse dei residenti, che è facile rapportare in primo luogo alla mancanza, nella maggior parte dei casi, di una programmazione stabile di iniziative culturali, espositive e didattiche».
Insomma, crescita quantitativa e qualità dell'offerta non sempre vanno d'accordo. La Regione vuole intervenire per invertire la tendenza, puntando ad un miglioramento dei contenuti, dei servizi, delle modalità di gestione. Il primo passo sarà quello di definire l'adozione di una procedura di riconoscimento dei musei da parte della Regione, basata sull'esistenza dei requisiti minimi di qualità del servizio previsti dalla legislazione nazionale. Solo i musei riconosciuti potranno avere soldi dalla Regione. «Il riconoscimento — dice la Pilia — darà modo alla amministrazione regionale di cominciare a svolgere quel ruolo di coordinamento e di indirizzo delle realtà museali che finora è mancato; attraverso di esso sarà possibile offrire ai musei il necessario sostegno, promuoverne adeguatamente le attività, assicurare l'impiego ottimale delle risorse disponibili per il loro funzionamento».
Il secondo passo in direzione della razionalizzazione e della definizione di un quadro di precisi indirizzi programmatici sarà la creazione di un sistema museale regionale. «Intediamo favorire — spiega la Pilia — l'associazione, su base territoriale o tematica, tra i musei, le raccolte museali e i siti culturali mediante associazioni temporanee di scopo. I musei associati potranno in tal modo avvalersi, in forma condivisa, di figure professionali, attrezzature e servizi ai quali non potrebbero accedere con i pro-pri mezzi». L'orientameno emerso durante il lavoro, ancora in corso, avviato dall'assessorato è quello di sostenere lo sviluppo di un sistema museale regionale integrato per mezzo dell'erogazione di contributi ai musei di maggiori dimensioni, destinati a funzionare come centri di rete. «Ogni provincia — dice la Pilia — potrebbe essere sede di un polo tematico. A Sassari, ad esempio, si potrebbe valorizzare una vocazione in qualche modo storica per l'arte contemporanea».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news