LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Un'area archeologica abbandonata Monte Po.
LA SICILIA Luned 07 Gennaio 2013 CATANIA


Il sito di epoca bizantina sconosciuto e invaso dalle sterpaglie: Diventi un'area protetta



Sulla carta la zona sud del quartiere di Monte Po rappresenta un sito archeologico di grande importanza per tutta la citt. Una testimonianza bizantina, antica di secoli, ai piedi dell'Etna. Peccato che quest'area, alla maggior parte dei catanesi, risulti essere totalmente sconosciuta e oggi l'intera zona sia completamente inghiottita da una giungla di sterpaglie.
Si tratta di opere del passato che hanno un valore storico importantissimo - afferma il presidente della Municipalit Nesima-Monte Po, Gianni Fodale - dall'acquedotto di epoca romana ai bunker della seconda guerra mondiale, passando per le masserie borboniche e la basilica bizantina: in pochi ettari di terreno racchiuso oltre un millennio di storia. Negli ultimi dieci anni, tra mozioni, sedute itineranti e sopralluoghi, il Consiglio si battuto per chiedere la rivalutazione di quello che, a tutti gli effetti, pu essere considerato un museo a cielo aperto. Sfortunatamente - prosegue Fodale - non abbiamo mai avuto alcuna risposta dall'amministrazione comunale e, nel frattempo, la situazione non fa che peggiorare.
Gli scavi nei pressi del nuovo ospedale Garibaldi, avviati dalla Sovraintendenza ai Beni Culturali oltre vent'anni fa, furono interrotti quasi subito per mancanza di fondi. Da allora per la basilica bizantina cominciata una parabola discendente che l'ha portata a diventare una discarica abusiva. Oggi la zona protetta da una piccola recinzione, ma l'amarezza tra gli abitanti di Monte Po resta ancora viva per dei reperti archeologici che possono essere ammirati, erbacce permettendo, solo dai balconi delle palazzine circostanti.
In tutto il quartiere c' molto rammarico per le condizioni di totale abbandono in cui viene lasciata la chiesa bizantina - dice Concetto Finocchiaro, abitante di largo Favara - in tutto il mondo la gente ci invidia il nostro patrimonio architettonico e culturale. Eppure noi buttiamo alle ortiche un tesoro prezioso.
La proposta del Consiglio della II municipalit quella di trasformare la zona in un'area paesaggistica protetta che possa attirare visitatori e amanti della natura e della storia. Qui, a pochi passi dal campo sportivo di Monte Po, ci sono tante testimonianze del passato di Catania che ufficialmente non compaiono in nessuna cartina o guida turistica. Posta sulla collina di Monte Po, nei pressi della scuola Sturzo ed a poca distanza dal tratto di circonvallazione che unisce Catania con Misterbianco, la chiesa sta letteralmente scomparendo.
La preoccupazione del Consiglio di quartiere che il piano di recupero dell'intero sito archeologico venga definitivamente lasciato nel dimenticatoio.
Si tratta di una struttura che dovrebbe essere tutelata dalle istituzioni competenti - sempre Fodale a parlare - Ma c' di pi: questa zona la sera quasi completamente al buio per cui viene evitata da tanta gente, che teme di fare brutti incontri. Realizzare un piccolo percorso storico per i turisti servirebbe a rivalutare l'intero quartiere, creando un circolo economico virtuoso per la locale imprenditoria.
Damiano Scala


07/01/2013



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news