LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appia Antica museo da «riaprire»
GIOVEDÌ 3 MARZO 2005 ROMA , La Repubblica


Stamattina incomincia, al Museo Nazionale di Roma, a Palazzo Massimo, il Convegno Internazionale di «Italia Nostra» dedicato a «La tutela dell' Appia da Roma a Brindisi». È un evento giustamente ambizioso perché propone un confronto europeo sul tema della lettura (innanzitutto) e poi della tutela, della gestione e della valorizzazione delle vie storiche: dalla Francia, da dove, lungo la via Francigena, affluivano i pellegrini diretti a Roma, alla Spagna - con il mistico Cammino di Santiago di Compostela-alla Grecia, con la antica via Egnazia che veniva vissuta come un prolungamento dell'Appia, ed oggi è definita dagli studiosi il primo legame tra Oriente ed Occidente.
Perciò il convegno si avvale della collaborazione e degli interventi di rappresentanti delle Scuole di Archeologia e degli Istituti di Cultura di Francia, Spagna e Grecia.
Mentre da parte italiana si punterà, innanzitutto, sulla richiesta forte di una legge nazionale che tuteli l'intero tracciato dell Appia Antica da Roma a Brindisi.



La proposta di legge, presentata al Senato, ha come primo firmatario il senatore della Margherita ed ex Ministro dell'Ambiente Willer Bordon. «L'idea - mi spiega Vittoria Calzolari, a cui si deve il primo studio storico, ma anche propositivo, perla tutela dell'Appia Antica, pubblicato dalla Sezione romana di "Italia Nostra" nel 1984 - è quella di andare a riscoprire i circa 540 chilometri dell'intero tracciato originario dell'Appia Antica; e là dove non é stato urbanizzato, farlo riemergere e restaurare valorizzandolo come parco archeologico».

In quanto al comprensorio romano dell' Appia Antica, nel 1988 è stato costituito il Parco Regionale che segue le linee-guida della pubblicazione di Vittoria Calzolari, ed ingloba oggi 3500 ettari tutti di straordinario interesse paesaggistico storico e archeologico.

Ma a Desideria Pasolini dall'Onda, Presidente di «Italia Nostra», che aprirà il convegno con la sua relazione, non basta la tutela attuale: «Conquistata», mi dice, «dopo anni di lotte, cominciate nel 1954, prima ancora che nascesse Italia Nostra, da Umberto Zanotti Bianco, con un appello firmato da quindici studiosi, per la salvezza dell'Appia dalla speculazione edilizia che cominciava a irrompere...».

Siamo nell'appartamentino quasi da studentessa - a parte le mirabili foto di interni familiari aristocratici - che Desideria si è ritagliata in cima a Palazzo Santa Croce, in via dei Giubbonari. Nella conversazione aleggiano i nomi di Goethe - «Ricorda il suo ritratto nella campagna romana, appoggiato a un capitello, che gli fece quel pittore tedesco di cui era ospite, Tischbein ?» - e poi di Gregrovius -«Quando io ero bambina l'Appia era ancora quella descritta da lui, i greggi di pecore, gli acquedotti, i Colli Albani sullo sfondo,- e, ancora, di Canova Zanotti Bianco, che era un grande archeologo, nel suo appello riprese le teorie del Canova, secondo il quale i frammenti dell'antichità greco romana, capitelli, statue mutilate, colonne, dovevano restare nei luoghi in cui si ritrovano.... Invece la filosofia degli scavi oggi tutta diversa: scava-trova-e-porta via... Magari per ammucchiare nei magazzini!»,
Zanotti Bianco e Antonio Cederna, con i suoi titoli su "Il Mondo", poi raccolti in un libro memorabile, «I vandali in casa», e con il sostegno della neonata «Italia Nostra», furono i primi a dar battaglia per la salvezza della «grande via consolare romana».
«Dei primi due scempi che si andavano profilando - ricorda Desideria - uno riuscimmo a bloccarlo: quello di uno stadio sopra le catacombe di San Callisto! Ma per il convento di Santa Rosa non ci fu nulla da fare. Potenza del Vaticano...».
Ora dunque, sottolinea la Presidente, l'Associazione celebra i cinquant'anni riprendendo il discorso da dov'era cominciato, nel 1955: dall'Appia antica.
«E' nella nostra anima - conclude -e le sue drammatiche vicende fanno parte, purtroppo, della storia del malcostume politico e speculativo dell'ultimo mezzo secolo...».
«Ma che cos'è che non va - le chiedo - nella sistemazione attuale?».
«Manca un Soprintendente nel Consiglio Direttivo del Parco. Che nel 1997 è stato banalizzato, lo si è incluso tra le aree protette a livello paesaggistico... Ma l'Appia è un monumento funebre meraviglioso - "Che ti sia lieve la terra", c'è scritto sulla lapide della tomba di un bambino... L’Appia è un Museo all'aperto, è la memoria storica dell'antica Roma... La nostra speranza è che si ristabilisca il culto della via Appia, come via sacra di una religione laica. Come la vedevano i Nazzareni nei loro dipinti».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news