LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Isola e lo "sviluppo sostenibile"
A. Crisantino
La Repubblica, ed. Palermo 03/03/2005


PER noi che viviamo in Sicilia, i quotidiani e preoccupati interventi sulla perdita di competitività del sistema-Italia hanno il potere di rendere ancora più dolorosamente incerto il futuro. Da noi la crisi economica si somma a quella politica, la contemporanea incapacità ad amministrare il presente e progettare il futuro rischia di produrre "il peggiore dei mondi possibili". L'unica ancora di salvezza ci deriva dall'essere in Europa, lo sappiamo tutti. L'ha detto anche il nostro governatore, quando in trasferta a Bruxelles con tutto il governo regionale si è rivolto al commissario polacco Hubner - che tiene i cordoni della borsa - dichiarando candidamente che i fondi europei sono essenziali «perché la restante parte del bilancio è per la spesa corrente». Come dire che l'elefantiaco apparato dell'amministrazione regionale serve solo a mantenere se stesso.

A TIRARE le debite conclusioni, facilmente si arriva a comprendere come la qualità del ceto politico sia uno dei meno risolvibili fra i nostri problemi e la cronaca di questi giorni-dalla nomina dei manager della sanità alla gestione della crisi industriale, solo per restare alle emergenze più appariscenti- ci conferma la gravita di una situazione che del re sto si trascina da molto tempo. Non c'è da stare allegri. Ma c'è una parola magica che ad un certo punto viene fuori anche nelle analisi più sconfortate, per un momento stranamente vicine ai tronfi bilanci dei resoconti governativi: si tratta dello "sviluppo" e del suo sempre prossimo avvento, che in genere tende a qualificarsi come "sostenibile". Quando per la prima volta l'aggettivo venne associato al nome, dopo il 1992 e il summit di Rio de Janeiro, sembrò una gran bella cosa che fosse possibile tenere insieme crescita economica e salvaguardia dell'ambiente. Roba passata, ormai si discetta di "sviluppo sostenibile" anche quando si programmano imponenti cementificazioni. E l'ambiguità semantica che prolifera attorno al concetto di sviluppo non fa che rendere più difficile un pensare al futuro che bisogna pur praticare, se vogliamo rompere il cerchio della nostra "necessaria" marginalità.
Non pretendiamo di essere originali nel sostenere che in Sicilia siamo prigionieri di un circolo vizioso che collega criminalità organizzata, carenza di cultura della legalità e sottosviluppo economico. Fatta questa premessa, sarebbe importante chiarire cosa si intende per sviluppo, a quale modello ci si riferisce. Nel secondo dopoguerra il concetto di sviluppo eralega-to ad una metafora organica, indicava il processo con cui le economie più "giovani" si sarebbero accostate crescendo a quelle più mature. Era questo il sottinteso concettuale del piano Marshall, per come venne applicato nel nostro Meridione. Le grandi aziende distaccavano da sé parti autonome, che venivano impiantate nei paesi da sviluppare. Vennero così realizzati i poli petrolchimici e metallurgici, anche Sicilfiat è figlia di questa logica. Che nei fatti l'esportazione di questo modello si traducesse in una dipendenza economica di tipo post-coloniale, questa è la cronaca: anche di questi giorni.
Se infatti proviamo a pensare che esiste la globalizzazione dei mercati, allora ci accorgiamo della nostra fragilità strutturale: perché è ovvio che le aree in perenne "via di sviluppo", specie se penalizzate da un sistema fortemente inquinato da logiche mafioso/clientelari, non possono che subire i contraccolpi più pesanti ogni qualvolta si presenta una congiuntura critica. Come dire che sono strutturalmente in crisi, una crisi perenne. Perché la globalizzazione si presenta come una messa in rete, un coordinamento delle aree sviluppate che scavalcale aree deboli all'interno dei paesi ricchi, e non c'è solidarietà che tenga. E lo sviluppo delle aree in ritardo di crescita diventa sempre più difficile : la rapidità è il motore di questo nostro mondo; i tempi lenti delle economie sottosviluppate non fanno che approfondire i divari, allontanare gli obiettivi.
Allora, in questi giorni così affollati di segnali negativi, chiediamo che si rifletta sull'idea di sviluppo, cioè su quale futuro vogliamo preparare. Che si chiarisca se lo sviluppo si limita a coincidere con la crescita di alcuni indicatori economici, o se piuttosto non ci sia l'esigenza di creare un modello consapevolmente autonomo. Cioè, se restiamo limitati dalla marginalità del nostro presente o se riusciamo a pensare il nostro avvenire.
Forse in questo affollarsi di situazioni critiche, quando è difficile riuscire a vedere una soluzione perché solo disoccupazione e mafia e cattiva politica riempiono le nostre cronache, forse proprio questo è il momento per provare a rompere il cerchio. Recuperando quella carica vitale che da troppo tempo sembra essere diventata patrimonio esclusivo di malavitosi e traffichini.

AMELIA CRISANTINO



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news