LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paesaggio - E intanto le ruspe spianano un costone inviolabile
La Gazzetta del Mezzogiorno, mercoled 19 dicembre 2012

Il primo pasticcio tecnico-giuridico nel cantiere della superstrada nato in relazione alla mega rotatoria numero sei prevista in un'area a forte sensibilit ambientale e sottoposta ai vincoli del Codice del paesaggio, la legge del 2004 nata per salvare il territorio dell'Italia dalle aggressioni dell'edilizia e delle infrastrutture. La rotatoria, la cui area era stata scelta dalle imprese per ospitare la loro pesante logistica, stata prevista sul crinale della serra alle spalle della Masseria cinque santi, amministrata da Lina Cucugliato, leader della forte opposizione al tracciato della regionale 8. Il rond e la mega strada sono stati progettati sul ciglio della scarpata, cosa illegittima e sottoposta comunque ad autorizzazione paesaggistica. E' rimasto sorpreso il tecnico della Leadri quando si visto recapitata dal comune di Vernole una lettera con la richiesta dell'autorizzazione paesaggistica. L'uomo dell'Ati - vincitrice dell'appalto nel lontano 1992 - aveva presentato una Scia (Segnalazione certificata di inizio attivit) con allegate due tavole del Putt pensando che questa documentazione fosse sufficiente per ottenere la presa d'atto dell'ufficio tecnico del comune. La Leadri aveva avviato anche i lavori di sbancamento, proprio all'interno della zona della rotatoria. Alla richiesta del comune l'impresa ha chiuso il cantiere in modo precipitoso e ha spostato la logistica in un'altra zona, dall'altra parte della provinciale, fuori dalle zone interessate al cantiere. Restano le profonde ferite inferte e una domanda: quale Via pu permettere la spaccatura di un crinale tutelato dalle leggi ambientali e di difesa del paesaggio? Neanche una Via semplificata, come vorrebbe la Regione, pu autorizzare uno scempio del genere. La verit che la rotatoria in quella zona non doveva starci. A dimostrare la grande valenza ambientale di questo territorio sufficiente descrivere vincoli e competenze vigenti. Si prenda a riferimento l'attuale provinciale Lecce-Melendugno. All'altezza di Vernole, nei pressi della zona Pip, la parte a sinistra, quella in alto, sottoposta ai vincoli del Codice del paesaggio che ha assorbito e superato una legge del 1939. Da decenni, quindi, questa fetta di campagna e pascolo difesa dalle leggi. Se un privato intende realizzare un'abitazione oppure un locale agricolo o una recinzione deve sottoporre la richiesta a un procedimento autorizzativo. Un tempo la competenza era della Sovrintendenza, ufficio decentrato del ministero dei beni culturali. Adesso dell'Unione dei comuni che con una commissione istituita allo scopo esamina le richieste, conduce l'istruttoria ed esprime la sua decisione sottoposta sempre alla valutazione finale della Sovrintendeza. Un privato non pu realizzare sulla scarpata neanche piccoli interventi. Stesso comportamento devono avere i poteri pubblici che affidano alle imprese la realizzazione di opere pubbliche. Non c' nessun potere che possa sottrarsi alla legge. La Laedri non possedeva l'autorizzazione paesaggistica e il caso, esploso gi in avvio dei lavori, sul finire di settembre, pone il problema se mai questa autorizzazione potr essere concessa. A destra dell'attuale strada, invece, in vigore il regime di tutela definito dal Putt regionale e dalle norme tecniche di attuazione. Anche in questa zona la competenza dell'autorizzazione della Commissione istituita dai comuni. Ogni iniziativa deve acquisire il parere della Commissione, condizione perch il responsabile del servizio possa rilasciare l'autorizzazione. Anche in questo caso la verifica finale spetta all'istituzione che mantiene il potere di tutelare il paesaggio, cio la regione. I comuni sostengono che nella conferenza di servizi mai stata chiesta la loro collaborazione sul tema del paesaggio. Ci hanno sollecitati - dice un tecnico - solo ad approvare la variante urbanistica. Eppure, la legge regionale del 2001 e le norme nazionali sulla difesa del paesaggio e dell'ambiente stabiliscono procedure importanti sulla trasparenza e sul coinvolgimento dei cittadini. Parole che restano sulla carta, con la conseguenza di delegare ai diversi poteri, pubblici e privati, il compito di regolare i diversi interessi.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news