LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BAGNOLI Diffida delle associazioni: "Non toccate il pontile nord": Passeggiata a mare ambientalisti contro
ANTONIO TRICOMI
01/03/2005 La Repubblica, Napoli






LE ASSOCIAZIONI ambientaliste contro la passeggiata a mare a Bagnoli. Italia Nostra, il Comitato giuridico di difesa ecologica, il Centro studi della partecipazione democratica e il Comitato Listen hanno inviato ieri una diffida alla Capitaneria di porto «affinché soprassieda a qualsiasi atto in relazione ai lavori di sistemazione del pontile nord di Bagnoli per adibirlo a passeggiata a mare». La medesima richiesta è stata inoltrata all'Autorità portuale, all'Agenzia del demanio e al Genio civile opere marittime.
Il pontile nord, insistono gli ambientalisti, così come gli altri pontili dell'ex Italsider e l'area detta della colmata, vanno rimossi secondo le leggi che «impongono il ripristino della morfologia naturale delle coste». Non ci sarebbe alcuna compatibilità, secondo i firmatari della diffida, tra l'obiettivo di «restituire ai napoletani la costa di Bagnoli com'era prima dell'insediamento dell'Italsider» e la creazione di una «bruttura in cemento armato» lunga 800 metri e alta otto metri e mezzo sul livello del mare. Sul tema gli ecologisti invitano l'amministrazione comunale a un pubblico confronto.
La «Prospettiva Bagnoli», si chiamerebbe così la lunga promenade prevista dal progetto, si snoderebbe tra il Capo Posillipo e piazza Bagnoli. Da un lato il mare, dall'altro il perimetro dell'ex ltalsider: la realizzazione della «Prospettiva» presuppone lo smantellamento dei pontili e della colmata, un'area di 20 ettari di proprietà del Demanio realizzata nel 1960 con materiali di risulta (oggi pietrificati e non più tossici).
Su quell'area, che nell'estate 2003 assunse temporaneamente il nome di Villaggio Ovest, si sono svolte, tra il 1997 e il 2003, alcune edizioni del Neapolis Rock Festival e altre manifestazioni di carattere musicale e spettacolare. Finora, sul progetto che riguarda la bonifica dell'area, sono stati investiti alcuni milioni di euro: il progetto oltre la promenade prevede anche la realizzazione di un porto-canale con 350 posti barca e insediamenti alberghieri per 1500 posti letto. Uno scenario del tutto nuovo di Bagnoli, ma che presuppone la rimozione della colmata e dei pontili. Il dibattito tra politici e tecnici è vivacissimo. Ambientalisti storici come Alda Croce, Guido Donatone e Giacomo Buonomo sono risolutamente contrari ad ogni ipotesi di riconversione del sito in porto turistico.
Il pontile nord, preziosa traccia di archeologia industriale, viene difeso a oltranza dal Comitato giuridico di difesa ecologica. «Contrarissimo» a rimuovere la colmata a mare si dichiara Benedetto De Vivo, docente di Geochimica ambientale alla Federico II. Favorevole, invece, il tedesco Andreas Kipar, architetto del paesaggio. Nel dibattito è intervenuto anche il preside di Architettura, Benedetto Gravagnuolo, proponendo di lasciare la colmata dov'è, nobilitandola però con un restyling che la trasformi in un giardino sul mare con piscine.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news