LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Albertini, il rinvio e il caso Fontana ancora da chiudere
Elisabetta Soglio
Corriere della Sera, 1/3/2005

«Non intendo sottrarmi». Inizia proprio cosi, la lettera che Gabriele Albertini ha indirizzato ai capi-gruppo di maggioranza e che ha ricompattato in extremis, ieri pomeriggio, la coalizione di centrodestra. Non si sottrae, dunque, il sindaco che resta nel suo ufficio mentre in aula c'è il finimondo e fa sapere che si presenterà in aula il 14 marzo «nella speranza di poter riferire all'amministrazione comunale in un clima più sereno di quello di questi giorni, che non giova al Teatro né alla città».
Poche righe che diventano la scappatoia anche per i consiglieri più battaglieri: «Avevo detto che non sarei fuggita, ma il sindaco ci ha scritto garantendoci che ci parlerà, quindi lo aspettiamo», spiega Carla De Albertis (An). Né si sente in contraddizione Giovanni Testori, capogruppo Udc: «Ho detto che non mi sarei presentato in aula fin quando il sindaco non avesse parlato e così farò». Già. Ma poi fai notare che il sindaco riferirà all'aula esattamente un mese dopo che il cda ha deciso di licenziare il soprintendente Carlo Fontana, e allora qualcuno tentenna: «In effetti, sarebbe meglio che le informazioni fossero un po' più tempestive», ammette la De Albertis.
Ma ci sono due questioni che non sono scrìtte né nella lettera del sindaco, né nel comunicato fatto dalla Cdl per stigmatizzare «le palesi strumentalizzazioni politiche ed elettoralistiche operate dalla sinistra». La prima è che nessuno crede al fatto che il sindaco abbia voluto rinviare la sua relazione in consiglio, soltanto per far decantare le acque. «Deve ancora chiudere con Fontana», mormorano nei corridoi i consiglieri di maggioranza, persuasi del fatto che l'accordo con il soprintendente licenziato non sia ancora chiuso «e Albertini non poteva correre il rìschio di dire qualcosa in aula che potesse compromettere la trattativa». Altri aggiungono che «il sindaco ha molti impegni, deve anche andare a Strasburgo». Ma la solita serpe in seno fa notare che «per l'impegno che ci sta mettendo all'europarlamento, se il problema era quello poteva anche rinviare...».
L'altra questione non scritta sulla lettera, ma imparata a memoria da tutti i consiglieri di maggioranza, è che «il consiglio non può e non vuole intromettersi sulle questioni di competenza del cda detta Fondazione Scala». Questa è la frase che ripetono proprio tutti, imboccati dal coordinatore cittadino Maurizio Bernardo, corso a Palazzo Marino a fare da pompiere, usando come sponda sul sindaco il capo di gabinetto Alberto Bonetti Baroggi. Si sussurra anche di telefonate che sarebbero state fatte da qualcuno dei componenti del cda della Fondazione (il nome ricorrente è quello di Bruno Ermolli) per far rientrare la voglia di ribellione di alcuni consiglieri di Forza Italia. Ma tant'è. Il sindaco «non si sottrae» e quindi il problema, per ora, è rinviato.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news