LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'italiano è stato declassato anche nella «Schola» europea
Ivo Caizzi
Corriere della Sera, 1/3/2005

BRUXELLES — Una prima retromarcia la Commissione di Josè Manuel Barroso la fa oggi ripristinando la traduzione nella lingua italiana in una conferenza stampa da cui era stata eliminata. Ma intanto il caso dell'italiano declassato in Europa, sollevato dal Corriere, trova nella Schola Europaea un altro esempio di penalizzazione della nostra lingua a vantaggio del trilinguismo (inglese, francese e tedesco). Questo apparato d'istruzione nei principali idiomi comunitari, che accoglie circa 20 mila alunni ed è finanziato dalla Commissione e dai governi dei 25 Paesi membri, ha infatti deciso di chiudere tutte le sezioni in italiano a Kalsruhe (Germania), Culham (Londra), Bergen (Amsterdam), Mol (Belgio). Fornisce informazioni e documentazioni in inglese, francese e tedesco (nonostante gli italiani siano stati tra i fondatori e abbiano contribuito a farla denominare in latino). Le sue 13 sedi offrono 1.815 posti in italiano e ben 4.801 in francese, 4.054 in inglese, 3.290 in tedesco. Inoltre emergono discriminazioni nell'accesso ai suoi costosissimi corsi (210 milioni di euro all'anno), dove gli alunni sono considerati di «serie A, B o C» in base alla casta e al censo.
Un esempio emblematico è la chiusura a Karlsruhe, dove vengono mantenute le classi in inglese, francese e perfino in tedesco. Il direttore generale della Schola Europaea, Michael Ryan, nega però discriminazioni linguistiche: «Chiudiamo le sezioni italiane a Karlsruhe, Culham, Mol e Bergen perché lì non ci sono più abbastanza figli di funzionari comunitari. Siamo finanziati con denaro pubblico, ma operiamo come una scuola privata riservata ai figli dei dipendenti delle istituzioni Ue, che la frequentano gratuitamente. Sullo stesso piano mettiamo i figli dei diplomatici presso l'Ue. Accettiamo poi, come "categoria due", i figli di dipendenti di banche, imprese o altre entità perché ci pagano rette molto più alte rispetto alla "categoria tre"». In quest'ultima sono privilegiati nelle iscrizioni i figli di chi lavora alla Nato, che pur non è un organismo dell'Ue. Ma la «serie C» della scuola è costituita soprattutto dai figli dei comuni cittadini, definiti «altri». Ryan afferma che vengono ammessi perché sono utili a creare un ambiente pedagogico più favorevole per i figli degli eurocrati e dei diplomatici: «ma solo se c'è posto»! Quando non ci sono più scolari e studenti di «serie A», la sezione viene chiusa. Gli «altri» vengono respinti anche quando i posti sono già riempiti dai figli di eurocrati e diplomatici. A Bruxelles le sezioni italiane sono piene e non accettano più gli «altri», nonostante non ci siano alternative nella propria lingua per quella che resta la principale comunità straniera in Belgio. Francia, Germania e Regno Unito contano su tantissime scuole in francese, molte in inglese e abbastanza in tedesco. La conseguenza è che delle famiglie italiane non si trasferiscono a Bruxelles perché non esiste l'istruzione in italiano. E lasciano aperti spazi professionali, occupati sempre più spesso da francesi, tedeschi e britannici. Valerie Rampi, portavoce del vicepresidente della Commissione Siim Kallas, difende l'attuale sistema sostenendo proprio che «la maggioranza dei nostri dipendenti con figli, se non potesse contare sulla scuola europea, non andrebbe a lavorare all'estero per le istituzioni Ue». La copresidente della destra dell'Europarlamento, Cristiana Muscardini di An, ha già fatto un'interrogazione sulla Schola Europaea. Altri eurodeputati del centrosinistra e del centrodestra se ne stanno occupando. Dopo che il Corriere ha sollevato il caso, alcuni genitori di bambini italiani della «categoria tre» denunciano tentativi di espulsione strisciante attuati con aumenti delle rette da migliaia di euro. «Capisco i timori per le sezioni in italiano e lo sconcerto per il trattamento della "categoria tre" - afferma Giovanni Villani, che rappresenta il ministero degli Esteri nella Schola -Ma il problema è che la scuola europea ormai andrebbe cambiata completamente».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news