LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CODICE URBANI: Beni culturali vera risorsa per il turismo
Marina Silvestri
01/03/2005 Italia Oggi


«Negli ultimi tre anni e mezzo il governo ha lavorato a ridisegnare lo scenario dei beni culturali; nonostante le ristrettezze di bilancio, ora l'Italia deve investire in cultura».

Per il ministro per i beni e le attività culturali, Giuliano Urbani, la cultura deve essere il principale investimento per il paese.

Nonostante i tagli al settore, il ministro si dice ottimista, perché anche se sono diminuite le risorse finanziarie, sono stati invece creati strumenti legislativi capaci di attivare i privati e orientare l'offerta culturale.

Intervenendo all'apertura dell'anno accademico 2004-2005 dell'università degli studi di Trieste, Urbani ha sottolineato l'importanza del codice per i beni culturali e paesaggistici, che introduce innovazioni strutturali che potenziano il ruolo degli enti locali, permette di fare rete fra i diversi livelli di governo e apre ai privati la gestione delle fondazioni a cui è affidata la valorizzazione di musei, siti archeologici, mostre e spettacoli; inoltre, del decreto legge dello scorso gennaio che prevede l'innalzamento dal 3 al 5% della quota destinata ai beni culturali dagli investimenti infrastrutturali collegati alla legge obiettivo a disposizione di ARCUS società per lo sviluppo di arte cultura e spettacolo .

Il ministro ha annunciato, per questa settimana, la prima riunione di un gruppo di ricerca coordinato dall'università La Sapienza di Roma e dalla Bocconi di Milano per la redazione di un libro bianco sulle potenzialità dell'offerta culturale dell'Italia , da consegnare al parlamento e al capo dello stato.

«Nella globalizzazione contano i marchi paese», ha sottolineato il ministro Urbani, «l'offerta culturale caratterizza anche la cultura che sottende l'intero stile di produzione, il brand Italia, il lavoro degli italiani».

Ma oltre all'export e a tutto ciò che va sotto la voce made in Italy, si dovrà in primo luogo calamitare il turismo, che ha privilegiato troppo la valorizzazione di spiagge, montagne e bellezze naturali.

«Il turismo italiano», ha detto Urbani, «genera il 12% del prodotto interno lordo, in una situazione di sottoutilizzo. Basti pensare che alcune regioni, dove il clima è ottimale, hanno una stagione di soli 50 giorni l'anno. È una percentuale che si può raddoppiare attraverso un'offerta combinata turistico-culturale. Nessun altro settore produttivo può fare un salto di tale grandezza e promuovere assorbimento del lavoro. È l'unico comparto che prospetta una moltiplicazione delle risorse».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news