LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dietro gli alberghi, ambiente - Valorizzazione del territorio e dell'entroterra per rilanciare l'offerta
Resto Carlino 01.03.2005


CARLINO - Cominciamo dal dottor Chicchi. C'è o no questa crisi del turismo in riviera? E' giusto o no riconsiderare il modello romagnolo? E se sì quali sono i modelli futuri da tenere in considerazione? CHICCHI - Penso che il modello romagnolo sia inimitabile e non abbia modelli a cui riferirsi. Ha dei problemi interni. Qualche cifra: in un anno difficile come il 2004 noi abbiamo perso il 2,7% di
presenze e siamo aumentati dell'1,2% negli arrivi. Questi sono i dati definitivi di tutta la costa romagnola. Cosa vogliono dire? Vuoi dire che risentiamo naturalmente della congiuntura generale, ma che il nostro posizionamento di mercato è ancora buono. Allora tutto ok? No. Abbiamo sostanzialmente tre problemi principali. Il primo è che la componente estera del nostro turismo tende a ridur-si. C'è anche l'effetto della crisi tedesca. Circa la metà degli stranieri sono tedeschi. La cosa appare in tutta la sua gravita se la collochiamo nel processo di unificazione della moneta europea, nella grande Europa dei 600 milioni di abitanti. Dobbiamo crescere soprattutto sul mercato internazionale. Oggi, su 100 presenze 80 sono di italiani.
CARLINO - In passato com'era questo rapporto?
CHICCHI - Negli anni Settanta, era 40 e 60. Quaranta stranieri e 60 italiani. Ma c'era un motivo fondamentale: Rimini e la riviera romagnola erano senza competitori. Era la prima stazione balneare più vicina all'Europa, in una realtà in cui ancora i voli erano poco sviluppati, una realtà in cui si arrivava da tutta l'Europa centrale abbastanza facilmente. Secondo elemento critico è il fatto che le nostre realtà somigliano troppo alle città che i turisti lasciano. Abbiamo una realtà metropolitana, abbiamo una realtà costiera che è senza soluzione di continuità, quindi dobbiamo intervenire sul prodotto territorio oltre che sul prodotto ricettivo, per aumentare i contenuti qualitativi.
Il terzo e ultimo punto è questa difficoltà che abbiamo con i tour-operator: il segmento organizzato che arriva da noi non supera il 10%. Ma da alcuni paesi si arriva soltanto attraverso il turismo organizzato. Che fare, allora? Serve innovazione continua. Noi abbiamo un prodotto che chiamerei universalistico. Si rivolge a molti target: dai bambini ai giovani, alle famiglie, ai congressi, alle fiere ecc, Dobbiamo sempre innovare sia sul territorio che su infrastruttu-re e strutture ricettive.
CARLINO - L'innovazione continua negli ultimi anni non c'è stata, o comunque è stata discontinua e legata alla buona volontà dei singoli operatori. Niente di programmato a livello pubblico. E' così, presidente Errani?
ERRANI - II turismo è forse uno dei comparti dell'economia che più vive, anzi anticipa, i processi di cambiamento. Il turismo sta cambiando radicalmente. Da questo punto di vista quello che noi siamo è qualcosa di comunque importante e radicato e questa non è una cosa scontata. Ciò nasce da un lavoro che in tanti anni ha dato vita a processi di innovazione. Basterebbe guardare i dati e cioè, ad esempio, quanti alberghi sono diventati annuali rispetto a cinque anni fa.
CHICCHI - Nel '90 erano 70, oggi sono 450. Solo in provincia di Rimini.
ERRANI - Una serie di cose di cui si stava parlando da tanti anni, per esempio la darsena, si è realizzata. Non siamo fermi. Dobbiamo promuovere processi di qualificazione del territorio, della rete ricettiva e dei servizi: sono tre grandi questioni che vanno avanti se vi è una relazione forte tra pubblico e privato e vi sono strumenti atti a promuovere questa qualificazione. Io credo che nei prossimi anni dovremo rilanciare con forza l'idea della riqualificazione urbana, usando anche - lo ripropongo -una società di trasformazione urbana per promuovere la qualità del sistema ricettivo pubblico-privato. E' fondamentale organizzarci per andare anche sui mercati lontani e fare di questo territorio, che ha un ricettivo così diffuso e qualificato, una piattaforma per utilizzare l'Italia e non solo la costa. Oggi, per esempio, in Cina si vende l'Italia e la vendono, tranne rare eccezioni, francesi, svizzeri e tedeschi in primo luogo. Allora, cominciamo a dare ulteriore impulso di cambiamento ai processi che abbiamo avviato. Mi riferisco alle aggregazioni di imprenditori a cui va dato massimo affiancamento per fare politiche di promocommercializzazione. Magari selezioniamo meglio le politiche di presenza sui mercati, lavoriamo sull'idea che questa è una terra che ha tanti valori che insieme possono integrarsi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news